Tegola fotovoltaica: il fotovoltaico che si integra al tetto

3

La tegola fotovoltaica, chiamata anche coppo fotovoltaico, ha una duplice funzionalità: serve da elemento di copertura e da generatore di elettricità. Questa speciale tegola incassa all’interno di essa un modulo fotovoltaico, ed, avendo la stessa forma e modularità delle normali tegole, le sostituisce conferendo così al tetto un aspetto meno impattante lato estetico.

Integrazione del fotovoltaico e vincoli architettonici

coppi fotovoltaiciL’Italia ha moltissime zone sottoposte a vincoli storico/paesaggistici che precludono l’introduzione degli attuali impianti fotovoltaici. Per queste località l’integrazione architettonica degli impianti fotovoltaici diventa fondamentale. Le numerose soluzioni create a livello industriale per garantire la totale integrazione architettonica con il coppo fotovoltaico puntano quindi a riprodurre l’elemento coppo o tegola, di forma, materiale e colore tradizionale mediterraneo, come supporto nel quale incassare o assemblare le celle di silicio nelle sue diverse tipologie (policristallino, monocristallino, amorfo etc..). Grazie all’aspetto dei coppi fotovoltaici, che riproducono i tetti mediterranei, i vincoli paesaggistici vengono completamente rispettati.

La posa della tegola fotovoltaica

La tegola fotovoltaica in genere si installa senza forare il manto di copertura e senza staffe di fissaggio ed è adatta sia per il nuovo che per l’esistente. Durante la fase di posa, deve avvenire la rimozione di una parte delle tegole (nel caso esse siano già posate), queste vengono sostituite dai nuovi elementi fotovoltaici, che vanno così ad integrarsi con soluzione di continuità alla struttura della copertura classica. L’integrazione è totale se vengono rispettati tutti i requisiti d’integrazione: complanarità, modulo della tegola, materiale e colore.
Uno dei pregi di questo tipo di fotovoltaico risiede nel fatto che si presta a supportare dei pannelli che possono essere sostituiti nel tempo con altri dalle identiche dimensioni (in caso di danneggiamento) oppure con altri dalle migliori prestazioni, senza ulteriori supporti, cambiamenti di tegole, o stravolgimenti del tetto.

L’energia che produce

L’energia prodotta dal coppo fotovoltaico può soddisfare le esigenze domestiche e l’eccedenza può essere venduta alla rete pubblica di distribuzione elettrica. Il fabbisogno di un’abitazione media è di 3 kWp: per produrre questa quantità di energia elettrica sono necessari circa 50-60 metri quadrati di superficie coperta da tegole, il tutto ovviamente dipende anche dalla resa del coppo fotovoltaico che si sceglie.

Fattore essenziale per un buon funzionamento di un impianto fotovoltaico è quello termico; al contrario di quello che si potrebbe pensare, infatti, all’aumentare della temperatura, i moduli fotovoltaici perdono di resa energetica.

E’ importante sottolineare che la corretta funzionalità del sistema dipende dalla località, dall’inclinazione della superficie del tetto e soprattutto dall’orientamento dell’edificio. Si rende quindi indispensabile una buona progettazione preliminare, con uno studio accurato di tutti i fattori sopra elencati e anche della variazione delle ombre.

Condividi.

L'autore

Elena Liziero

Neomamma geek, blogger e giornalista, mi piace tutto ciò che riguarda la comunicazione, le eco-innovazioni e la creatività.

3 commenti

  1. Salve, avrei bisogno di informazioni sul reperimento della tegola fotovoltaica, e del suo relativo prezzo

    cordialmente Adolfo

  2. Elena Liziero
    Elena Liziero on

    Salve Adolfo, noi siamo dei consulenti esperti in certificazioni energetiche e in calcoli strutturali, ma non siamo dei rivenditori di tegole fotovoltaiche (né dei altri prodotti), possiamo solo consigliarti di cercare nel web aziende specializzate nella produzione di questo tipo di prodotto,

    cordiali saluti

    Elena Liziero
    casainnovativa.com

Lascia un Commento