Possibili sviluppi del fotovoltaico a film sottile senza silicio

6

I pannelli solari a film sottile sono ottenuti depositando pochi micron di materiale semiconduttore racchiuso da substrati di basso costo (vetro, metallo o plastica). La scelta dei materiali semiconduttori è basata sulla loro capacità di assorbimento della radiazione solare. In questo post analizzo alcune tecnologie che utilizzano materiali per la pellicola senza silicio, come il telloruro di cadmio e il diseleniuro.

Fotovoltaici a film sottile con telloruro di cadmio
Una delle possibili tecnologie a film sottile riguarda i pannelli fotovoltaici trasparenti.
Inventati e prodotti in Italia, questi pannelli possono essere montati come vetri di finestre o come coperture di edifici e producono elettricità dal sole ad un costo ben più basso rispetto alle tradizionali celle al silicio. Con questa nuova tecnologia, infatti, il costo di produzione dell’elettricità si stima inferiore a un euro per watt, mentre quello delle celle al silicio si aggira sui cinque euro per watt. L’elettricità prodotta dai pannelli può essere consumata direttamente nell’edificio, oppure venduta a un operatore energetico e messa in rete.

Questa nuova tecnologia di ”film sottili” è costituita da una pellicola trasparente, chiusa fra due lastre di vetro. La pellicola, a base di telloruro di cadmio (CDTe), colpita dai raggi del sole, produce elettricità. In Italia sono in via di sperimentazione dei pannelli frutto di un brevetto dell’Università di Parma, che ne ha ulteriormente migliorato l’efficienza e ridotto i costi. Questi particolari pannelli sono stati sperimentati nei paesi mediterranei del Maghreb e del Medio Oriente. In seguito è stata avviata la produzione industriale, affidata alla lombarda Marcegaglia Energy, che presto immetterà nel mercato i primi modelli.
Anche l’azienda americana First Solar produce pannelli a film sottile con una tecnologia che utilizza il telloruro, e ha in progetto di costruire un mega impianto di 40 mega watt, equivalente a 200 campi da calcio, che troverà collocazione in Sassonia, in Germania.

Un aspetto problematico di questa tecnologia risiede nel fatto che il cadmio è una sostanza tossica, e potrebbero nascere difficoltà al momento del suo smaltimento. Sembra comunque che il telloruro sia una delle forme più stabili e meno solubili del cadmio, e che quindi le dispersioni durante la lavorazione siano controllabili per garantire la salute di chi vi lavora. Su questo aspetto in America sono già previste delle regolamentazioni, così come degli appositi piani di recupero.

I fotovoltaici a film sottile con diseleniuro rame indio gallio (CIGS)
In California la Nanosolar, finanziata tra gli altri anche da Larry Page e Sergey Brin, i ricchissimi fondatori di Google, ha in progetto di realizzare la più grande azienda al mondo di pannelli fotovoltaici. La Nanosolar ha sviluppato una nuova tecnologia a film sottile che utilizza il diseleniuro indio rame gallio (CIGS) che permette di ottenere la stessa efficienza energetica delle classiche celle di silicio, ma con un costo dei materiali molto inferiore. La nuova pellicola ha infatti uno spessore di circa un solo micron rispetto i 200-300 di quelli in silicio. La tecnologia di ultima generazione utilizza nano particelle all’interno di una soluzione depositata in un sottile substrato.

Questi pannelli hanno tutta una serie di vantaggi: efficienza, basso costo, facilità di installazione grazie alla flessibilità e longevità (l’azienda dichiara una durata garantita di 25 anni). Per quanto riguarda l’efficienza, a livello di laboratorio si arriva al 19,9% ma il Nrel ha effettuato delle verifiche abbassandola al 14.6%, comunque una bella cifra.

Sui costi a carico del produttore, l’azienda parla di 0,36 dollari per watt di picco, con l’obiettivo di vendere celle a 0.99 dollari a watt. Molte critiche sono state sollevate sulla credibilità di tali affermazioni, anche perché l’azienda non ha ancora diffuso ufficialmente i costi dei loro prodotti né i dettagli tecnici. Sembra comunque che per ora i prezzi saranno quelli del mercato finché l’offerta non uguaglierà la domanda, e verranno così commercializzati pannelli low cost.
L’azienda ha già ricevuto ordinativi completi fino a fine 2009, e uno tra i più grossi incarichi riguarda un impianto da un megawatt che sarà installato a sud di Berlino, quindi sempre in Germania, che si conferma uno tra i paesi più sensibili alle energie rinnovabili.

Condividi.

L'autore

Elena Liziero

Neomamma geek, blogger e giornalista, mi piace tutto ciò che riguarda la comunicazione, le eco-innovazioni e la creatività.

6 Commenti

  1. Ciao, ad oggi l’unica società che produce pannelli solari CIGS film sottile su plastica é ASCENT SOLAR, Colorado (USA). Un saluto

  2. Buongiorno

    C’è qualcuno in grado di dirmi se con 21 m2 di pannelli in film sottile attualmente si possono installare 3Kwp e avere una produzione annua di 3300 Kw (in Lombardia bassa provincia bergamasca)?

    La superficie utile del mio tetto è di 21.5 m2 e questo risultato lo potrei attualmente raggiungere con 13 pannelli in silicio monocr. SANYO da 230wp impiegando una superficie di 18,02 m2.

    Grazie per la risposta.

  3. Buongiorno angelo, purtroppo ad oggi non esistono pannelli a film sottile così ridotti, pertanto occorre una superficie di circa 1,5 volte quella che servirebbe per installare la stessa potenza col miglior pannello cristallino. Credo comunque che il film sottile sia la tecnologia del futuro in questo campo visto che, soprattutto in siti dove l’insolazione è più diffusa che diretta, si ottengono produzioni di circa il 10% più elevate.
    altro svantaggio del film sottile è il costo di installazione più elevato, per via della dimensione delle strutture necessarie.
    In sostanza attualmente è meglio installare 2 pannelli cristallini(meglio poli) in più, piuttosto che il film sottile.
    se vuoi vedere le differenze vai su questo link:
    http://re.jrc.ec.europa.eu/pvgis/apps3/pvest.php?lang=it&map=europe
    Maurizio

  4. Nella provincia di Foggia vicino sul mare dispongo di circa 35 mq di super attico sul quale installare i pannelli fotovoltaici a film sottile. Il consumo annuale medio ENEL è di circa 150€ a bimestre. E’ possibile questa installazione? I costi sono inferiori ai pannelli di silicio? Grazie

  5. sono il titolare di una piccola azienda agricola interamente coperta a serre di circa 10.000 mq con altezza alla gronda di 2,5 mt per qui l’impianto sarebbe perfettamente integrato, lunico problema è il peso del pannello cristallino.
    la mia domanda è posso superare tutti i problrmi con questo tipo di pannello a film sottile e alto rendimento?
    ringraziandovi porgo cordiali saluti. michele

  6. Salve Michele,
    per ora non ci sono proposte concrete sul mercato per quanto riguarda tecnologie a film sottile con caratteristiche innovative. A livello di laboratorio sono stati ottenuti risultati interessante ma non sono ancora proponibili sul mercato per una serie di motivi. Eventualmente si può valutare l’ipotesi del silicio a film sottile flessibile: ha rendimenti più bassi rispetto al policristallino ma anche costi più bassi ed un peso ridotto. Oppure le conviene aspettare ancora un pò, in attesa di seguire i movimenti del mercato e di comprendere bene l’applicazione del Conto Energia 2011.

Lascia un Commento