Serre solari nell’edilizia bioclimatica

3

La serra bioclimatica rappresenta una delle migliori soluzioni dell’edilizia bioclimatica, contribuisce  al risparmio energetico di un edificio con conseguente riduzione dei consumi e dei costi.

Accumula il calore in inverno per irraggiamento solare e favorisce la ventilazione d’estate. Inoltre il suo gradito impatto estetico ne favorisce lo sviluppo su diverse tipologie di edifici.

Si tratta di un vano chiuso vetrato, posto in adiacenza ad un ambiente riscaldato oppure integrato con esso, dotato di infissi ad alta efficienza, orientato preferibilmente a sud, o comunque collocato in modo che i raggi solari lo raggiungano anche d’inverno ed essere priva di ombreggiamenti.
In inverno la struttura viene tenuta con i vetri chiusi, in modo da accumulare il calore ricevuto durante il giorno, calore che poi viene rilasciato e si distribuisce all’interno dell’abitazione.
In estate invece  le vetrate vengono aperte, in modo da favorire un sistema di ventilazione naturale che raffresca i vari ambienti dell’abitazione

Come si realizza?

Una serra bioclimatica può essere ricavata da una terrazza ricavata in copertura, da un balcone, oppure direttamente confinante con una parete esterna dell’edificio che delimita uno spazio riscaldato. La cosiddetta veranda rappresenta il sistema più facile ed efficace per sfruttare al meglio l’energia solare.  La struttura è composta da serramenti apribili ad alta efficienza (telai a taglio termico e vetro-camera a doppi o tripli vetri). All’interno di questo spazio confinato da superfici vetrate, devono essere presenti degli elementi in grado di accumulare il calore ricevuto e di rilasciarlo lentamente nelle ore più fredde della giornata. Le masse di accumulo possono essere rappresentate ad esempio da un pavimento o da una parete interna.

Per evitare una eccessiva insolazione durante il periodo estivo, si può prevedere un opportuno sistema di ombreggiamento: per esempio della vegetazione a foglie caduche o delle tende mobili.

Riferimenti normativi

Citiamo un riferimento legislativo in materia di serre solari:
Legge 39 della Regione Lombardia: “Norme per il risparmio energetico negli edifici e per la riduzione delle emissioni inquinanti e climalteranti” – articolo 4:
le serre bioclimatiche e le logge addossate o integrate all’edificio, opportunamente chiuse e trasformate per essere utilizzate come serre per lo sfruttamento dell’energia solare passiva, sono considerate volumi tecnici e quindi non computabili ai fini volumetrici a condizione che siano progettate in modo da integrarsi nell’organismo edilizio nuovo o esistente e che dimostrino, attraverso i necessari calcoli energetici, la loro funzione di riduzione dei consumi di combustibile fossile per riscaldamento invernale, attraverso lo sfruttamento passivo e attivo dell’energia solare o la funzione di spazio intermedio.”

Modello di calcolo

L’efficacia energetica di una serra nella stagione di riscaldamento dipende da:
1.    il contesto climatico (orientamento e irraggiamento solare)
2.    caratteristiche termiche delle superfici che separano la zona riscaldata dalla serra
3.    caratteristiche termiche delle superfici della serra

Riduzione delle dispersioni

Ai fini del calcolo rappresenta un ambiente non riscaldato che riduce le perdite per trasmissione dell’ambiente riscaldato confinante.

Aumento dei guadagni solari

Per i motivi esposti precedentemente, con la serra si hanno dei guadagni solari diretti e dei guadagni solari indiretti. Il calcolo fa riferimento alla UNI EN 832 (Appendice D).

Condividi.

L'autore

Eris Caon

Ingegnere civile libero professionista, certificatore energetico, esperto in fonti rinnovabili, progettazione strutturale e soluzioni innovative, in particolare nella realizzazione di rinforzi strutturali con materiali compositi.

3 Commenti

  1. Cio’ che viene spiegato da lei, nel sopra citato documentomi interesserebbe in quanto ho un terrazzo che vorrei chiudere sfruttando le nuove soluzioni dell’edilizia bioclimatica, abito a Lecco, vorrei sapere se ci fossero persone qualificate da contattare , in quanto tutti quelli che contatto non riescono a darmi risposte in merito, spero di ricevere una vostra risposta in merito e porgo
    Cordiali saluti
    sala

  2. Sarei interessanta anch’io alla copertura di un terrazzo. Ha avuto contatto con persone qualificate?

  3. fabrizio mariotti on

    Sono in fase di progettazione per la mia nuova casa, trattandosi di una casa in campagna mi sto cercando di adottare tutti i sistemi di risparmio energetico soprattutto quelli che riguardanao al bioarchitettura.
    Vorrei sapere in particolare se esistono delle norme edilizie a riguardo dalla cubatura delle serre di questo tipo.
    Il terreno su cui vorrei costruire ha un indice di edificabilità molto basso e quindi aggiungere un volume del genere potrebbe compromettere la funzionalità della casa stessa se questo venisse computato nella volumetria di progetto.

    Grazie per l’attenzione,

    Cordiali saluti,

    Fabrizio Mariotti

Lascia un Commento