Biologico: 12 prodotti che vale la pena comprare bio

0

Se secondo la ricerca appena presentata al Forum QualEnergia per la maggioranza degli italiani il futuro, oltre alle fonti energetiche rinnovabili, è rappresentato dal cibo biologico, bisogna capire quali sono gli alimenti che vale la pena acquistare biologici.

cibo biologicoIl cibo biologico infatti ha un costo che a volte può essere due o tre volte più elevato rispetto alle opzioni tradizionali. Quindi, in tempi di ristrettezze economiche, scopriamo quali sono i prodotti che è meglio acquistare bio secondo Michelle Cardel, ricercatrice di nutrizione e dietista presso l’Università del Colorado.

Gli alimenti biologici sono più sani e nutrienti?

In un recente studio effettuato dalla Stanford University non hanno trovato sostanziali differenze nutrizionali tra alimenti biologici e non biologici. I ricercatori hanno inoltre scoperto che i livelli di pesticidi di tutti gli alimenti in generale sono diminuiti entro i limiti di sicurezza consentiti.

Tuttavia, in una serie di 343 studi pubblicati sul British Journal of Nutrition, hanno scoperto che alcuni alimenti convenzionali contengono meno antiossidanti e hanno livelli più elevati di cadmio metallo tossico. E ‘importante sottolineare che i livelli di antiossidanti differiscono da cibo a cibo e il cadmio è presente ovunque in quanto è un componente naturale nella crosta e acque terrestre quindi questo è un elemento che è impossibile evitare in ogni prodotto. Se siete preoccupati per l’esposizione di metalli o pesticidi, scegliere alcuni prodotti biologici potrebbe esservi utile per avere una vita più sana.

Al di là di pesticidi, le persone spesso scelgono alimenti biologici nel tentativo di ridurre gli ormoni e altri contaminanti presenti principalmente nei prodotti di origine animale.

I 12 alimenti che vale la pena comprare biologici

E’ stato coniato il termine la “sporca dozzina” in riferimento ad un elenco di dodici alimenti che sono contaminati con i più alti livelli di residui di antiparassitari. Le persone potrebbero prendere in considerazione l’acquisto almeno di questi 12 alimenti nella loro versione biologica per limitare l’esposizione di pesticidi. Tutti e 12 questi prodotti hanno una buccia commestibile, questo contribuisce all’esposizione dei pesticidi in quanto essa contiene una maggiore quantità di antiparassitari. Al contrario, la maggior parte degli alimenti meno contaminati non hanno bucce commestibili, come l’ananas e le banane: questo contribuisce a renderli cibi meno esposti a contaminanti anche se non sono biologici.

12 cibi più contaminati (che vale la pena comprare bio):

1- pesche
2- mele
3- peperoni dolci
4- sedano
5- noci pesche (nettarine)
6- fragole
7- ciliegie
8- pere
9- uva
10- spinaci
11- lattuga
12- patate

12 cibi meno contaminati (anche se non sono bio):

1- cipolle
2- avocado
3- mais dolce (congelato)
4- ananas
5- mango
6- asparago
7- piselli dolci (surgelati)
8- kiwi
9- banane
10- cavoli
11- broccoli
12- papaia

Come regola generale, bisogna prendere in considerazione quale parte si sta mangiando della frutta o verdura. Se si sta mangiando lo strato esterno o la buccia, ci potrebbe essere il rischio di una esposizione a pesticidi se non si sta mangiando cibo biologico. Questa regola è molto importante se si sta preparando da mangiare per i propri figli, per cercare di dare loro il cibo più sano possibile: quindi meglio comprare frutta e verdura bio o almeno eliminare le bucce.

Considerazioni sui prodotti biologici di origine animale

Quando si confrontano i cibi convenzionali rispetto ai prodotti biologici di origine animale, come uova, latticini, o carne, bisogna analizzare ciò che mangia l’animale. Agli animali degli allevamenti tradizionali vengono sempre dati antibiotici per prevenire le infezioni e per stimolare la crescita. Inoltre gli animali degli allevamenti tradizionali in genere sono alimentati con meno erba ma più cereali per accelerare la crescita, questo fa sì che i loro prodotti (latte, uova e carne) contengano alti livelli di grassi e in generale più bassi livelli di acidi grassi omega-3 che invece sarebbero benefici. Il latte biologico, uova e carne di animali biologici, nutriti con erba, hanno più alti livelli di omega-3.

Le merendine biologiche sono sane?

Non solo negli USA ma anche in Italia ormai nei negozi specializzati si trova qualsiasi prodotto nella versione biologica: cereali, pane, barrette di cereali, biscotti, patatine, e persino caramelle. Purtroppo il cibo biologico spazzatura resta cibo spazzatura anche se è biologico. Se ad esempio si sceglie come opzione per colazione dei cereali zuccherati biologici, essi sono nutrizionalmente identici a quelli convenzionali. Una differenza comunque c’è, nell’utilizzo di taluni additivi, conservanti e OGM, che non si trovano tipicamente in prodotti biologici.

Gli alimenti biologici sono quindi migliori di quelli normali, ma se sono dolci o caramelle, non avranno inquinanti e additivi ma non giovano a una dieta sana. E’ meglio comprare uno spuntino sano non biologico che abbia un buon profilo nutrizionale (ad es. ad alto contenuto di fibre e proteine, ma a basso contenuto di zucchero) rispetto a una merendina biologica con alti contenuti di zuccheri e povera di fibre.

In conclusione il consumo di alimenti biologici può ridurre l’esposizione a residui di pesticidi e batteri resistenti agli antibiotici, ma non sembra che gli alimenti biologici siano molto più nutrienti rispetto ai cibi tradizionali. Se siete interessati a mangiare biologico, ma avete un budget risicato, la dottoressa Michelle Cardel consiglia di concentrarsi principalmente sulla “sporca dozzina”, ovvero i 12 cibi più inquinati. Essa consiglia che è possibile risparmiare denaro cibandosi in modo salutare se si scelgono cibi convenzionali sani insieme almeno ai 12 cibi biologici fondamentali.

Articolo originale qui.

Condividi.

L'autore

Elena Liziero

Neomamma geek, blogger e giornalista, mi piace tutto ciò che riguarda la comunicazione, le eco-innovazioni e la creatività.

Lascia un Commento